giovedì 18 gennaio 2007

Comunicazione Aziendale


Questa è una delle ultime comunicazioni inoltrata ai dipendenti.

Vi ricordiamo che i commenti offensivi verranno cancellati dal moderatore.

47 commenti:

Anonimo ha detto...

Salve,

spero che non riteniate offensivo il mio commento in quanto è solo il mio punto di vista.

Allora, conosco il mondo di Wind decisamente bene, e posso assicurarvi che molti ma molti clienti Wind vanno alla concorrenza per il "ridicolo" lavoro fatto dal call center. Soprattutto il call center di Sesto. Ragazzi siete un pò "fannulloni" e ve la prendete troppo comoda. Non volete lavorare!!

Io stesso essendo anche cliente Wind ho avuto diverse problematiche (facilmente risolvibili) ma ho dovuto patire le pene dell'inferno per poterle risolvere.
Tutto perchè voi del call center (soprattutto quello di Sesto) non fate il vostro lavoro.

Ho fatto una statistica:
su circa 50 chiamate rispondete a solo il 5% e le vostre risposte sono nella maggior parte dei casi inutili o prive di significato.
Naturalmente provando e riprovando (dopo ore e ore) si trova la persona giusta che ti risolve il problema. Ma è davvero tanto difficile.

Bene, ora vi lamentate per quello che stanno facendo?

Io l'avrei fatto molto, ma molto prima!!

Scusate ma è la semplice e pura verità che posso documentare con centinaia e centinaia di lamentele.

Saluti

PS: non cancellate il mio commento, io e altre 150 persone la pensiamo così.

Anonimo ha detto...

Il tuo intervento si commenta da solo.
Sai che l' 80-85% delle chiamate Consumer risposte sono gestite da un outsourcer?
Sai che a livello qualitativo e di produttività i call center interni sono superiori a quelli esterni (Gruppo Almaviva-Cos)?
Sai che stiamo parlando di 275 persone che lavorano in aree di mercato differenti?
Come in ogni realtà le mele marce ci sono ma in misura nè inferiore nè superiore. Tu invece sostieni che il problema del Customer Care di Wind sia la sede di Sesto.
Rifletti su quello che hai scritto ed abbi almeno il buon gusto di firmarti assumendoti la responsabilità di quanto scrivi..

antonio ha detto...

Ciao anonimo.
il tuo commento resta, non è offensivo.
E' però opinabile per diversi motivi oggettivi.
Il primo è che questa vendita nulla ha a che fare con il fannullismo di qualche sezione, credici se vuoi.
I dati presentati al management dai capi che comunque resteranno parlano di performances brillanti del nostro sito.
Due: devi infatti sapere che la tua affermazione "Specialmente il call center di Sesto" è una cosa che a noi giunge lievemente odorosa: la maggiorparte delle chiamate non ricade su Sesto, bensì su un outsourcer, che detiene l'80% del volume quotidiano di chiamate in ingresso, del segmento consumer. Quindi semplicemente hai una scarsa probabilità di argomentazione.
Sembra più facile che tu sia un interno, visto che conosci bene il mondo Wind.
In ogni caso, visto che sei informato, saprai meglio di noi come sia facile dire quello che dici tu, non ci vuole un genio per esprimere delle lamentele più o meno credibili.
Come detto all'inizio, in ogni caso non è la voglia di lavorare il punto di questa cessione. E tieni presente che quando toccherà a te, non te lo auguro, non verremo a verificare quanto hai mai prodotto in vita tua. Ci basta immaginarlo.
Ciao

zaza ha detto...

beh, scrivere certe cose da anonimo non vale molto. peraltro non capisco come fai a capire se risponde sesto o un altro call center. ti invito a mandare un fax a Wind ( il numero te lo do io 800915896) ma so gia che non lo farai perche li dovrai metterci nome e cognome...saluti e VASAM!!!

Dipendenti Wind Sesto San Giovanni ha detto...

ci permettiamo di dubitare di quello che scrivi primo perchè difficilmente tu avrai parlato solo con il call center di sesto (ti ricordo che le chiamate vengono smistate randomicamente a livello italia su tutti i siti) e poi perchè avendo commentato come "anonimo" non dai neppure la possibilità di verificare quello che vai affermando. tanto meno indichi qualche dato di queste fantomatiche 150 persone di cui parli. queste provocazioni anonime lasciano sempre il tempo che trovano. questo commento è fatto da un gruppo di dipendenti wind di sesto san giovanni reparto consumer: se vuoi vedere le nostre facce vieni in viale edison 18 a sesto.

Anonimo ha detto...

Bel commento idiota, chi sei, un area manager?

Anonimo ha detto...

allora...

primo: non mi firmo perchè non ne ho voglia, volevo esprimere solo la mia opinione (e quella di molti che conosco) e se date la possibilità di scrivere in maniera anonima rispettatela.

secondo: non sto parlando del mercato consumer

terzo: non è difficile sapere quale call center risponde

quarto: capisco i vostri problemi, sono giustissimi, fate bene a protestare, me ne dispiace ma la situazione del call center era ed è diventata insostenibile. Qualcosa va pur fatta!!

Ad esempio: proponete un controllo sulle telefonate che arrivano al call center. Con una clausola: chi mette il telefono giù, chi fa aspettare inutilmente il cliente e chi dice stupidagini è licenziato immediatamente... Dopo 2 gg. siete tutti in mezzo alla strada.

uno che NON ce l'ha con voi!

Luca ha detto...

Nel tuo intervento c'è una sola cosa intelligente :" è solo il mio punto di vista"

Se vuoi dei dati vieni al call center che saremo contenti di ilustrarteli...

Anonimo ha detto...

infatti...

solo il mio punto di vista...

mica oro colato!!

saluti

Anonimo ha detto...

all'anonimo che "commenta sul callcenter di sesto"..

i miei complimenti, per aver capito tutto!!

Dipendenti Wind Sesto San Giovanni ha detto...

Ok. Grazie per il tuo intervento.

Anonimo ha detto...

Infatti, grazie.
Ora puoi tornare a lavorare invece di perdere tempo su internet.
Molliamolo, raga, ha solo voglia di stare in chat.

Anonimo ha detto...

Bene, ti rivolgi al Call Center Corporate ma la questione non cambia perchè le chiamate anche qui vengono gestite nella grande maggioranza dall'outsourcer, la rimanenza da Sesto e dagli altri Call Center interni. Evidentemente sei il mago Otelma che riesci a capire chi ti risponde e riesci a far cadere le chiamate sempre a Sesto! Inoltre ti rammento che la risposta al telefono qui a Sesto è comunque un' attività marginale, sicuramente non la principale. Infatti l' 80-90% delle nostre attività non prevedono la risposta al 1928 ma piuttosto la gestione in ambito Back Office di reclami, credito, provisioning, richieste amministrative e frodi.
Sei per caso uno di quelli che ha concluso l'affare di vendita???? Togli la maschera!

Anonimo ha detto...

Carissimo Anonimo,
svelaci la tua vera identità perchè di certo non sei un nostro cliente, ma quasi certamente un Clone, un Infiltrato che vuol fermare la nostra iniziativa, in quanto, prima di tutto devi spiegare come sia te e 150 persone che conosci solo tu e che ti dicono tutto, chiamate tutte il Call Center di Sesto quando sappiamo tutti che le chiamate sono prese per l'80% dall'outsourcing? sei forse un mago? o leggi nel pensiero di chi ti risponde? Vergognati!
Raffaele

un dipendente ha detto...

Mi stringo con voi e sono pronto per la lotta, diretta però, visto che l'azienda non cambierà idea (l'abbiamo visto coi ROC) a dare più garanzia possibili alle persone coinvolte.

Neo ha detto...

Care lavoratrici, cari lavoratori Wind
voglio portare la mia completa, totale solidarietà per il dramma che state vivendo.

Mi stringo a tutte/i voi in un fraterno abbraccio, nella speranza che il vostro operato e i vostri diritti vengano riconosciuti, rispettati e garantiti appieno e che la situazione si evolva favorevolmente.

Non molliamo la lotta, non facciamoci sconfiggere dal cancro della rassegnazione, il peggior nemico delle donne, degli uomini, dei lavoratori tutti.

Barbara ha detto...

La cosa che mi rattrista che ci siano ancora persone che vedono la pagliuzza nell'occhio del vicino e non vedono la trave nel proprio occhio, il signor Anonimo che ha la presunzione di rappresentare 150 anonimi come lui, che sicuramente con la loro produttività ci hanno garantito a tutti lo stipendio in wind (e per questo non finiremo mai di ringraziarlo, se ci dicesse chi è lo faremmo di persona), dovrebbe essere preso ad esempio da tutti coloro che hanno ancora la presunzione di essere i depositari della verità. Mi chiedo solo perchè rappresentare solo 150 persone perchè non 1500 o 15000, tanto quando non ci si mette in discussione mostrando la faccia che cosa cambia?

Posso tesimoniare che a fronte di questi 150 che pensano che i colleghi di Sesto sono inutili ce ne sono molti di più che pensano che siano indispensabili e sento il dovere di ringraziarli per la lotta che stanno facendo per tutti noi...da Roma la nostra massima solidarietà. In bocca a lupo a tutti "NOI"!!!!

clienteincazzato ha detto...

fate cagare... sono contento che vi vada male.
Un vostro cliente che non riesce mai a parlare con un operatore de 4 mesi.

Anonimo ha detto...

Ok, ora ce ne andiamo.
Facci sapere in futuro se la tua vita è cambiata.

Anonimo ha detto...

SCRIVETE A BEPPE GRILLO !!!

Anonimo ha detto...

SCRIVETE A BEPPE GRILLO!!!

Bubyman ha detto...

Ciao anonimo (in tutti i sensi).
In questi giorni difficili, se mai ce ne fosse stato bisogno, abbiamo dimostrato di essere persone valide, educate e responsabili.
La tua e' solo un opinione ma dal mio punto di vista e' solo una provocazione, detta nel momento meno adatto.
E rimarra' tale...
Non so se vinceremo questa battaglia, probabilmente no, ma stai sicuro che nessuno potra' permettersi di accusarci di essere dei fannulloni, di essere ridicoli etc...
Forse mantenere il posto di lavoro e' piu' importante che mandare messaggini ed mms, per cui accetta un consiglio:
non perdere il tuo tempo con noi, passa ad altro gestore, sara' un piacere non sentirci piu' telefonicamente...
con stima e rispetto ANDREA.

Bubyman ha detto...

Grazie Barbara di Roma.
In momenti come questi, la solidarieta' di colleghi, amici ed estranei e' per noi fondamentale.
Grande.

Anonimo ha detto...

ALL'ANONIMO

Se vuoi giocare, gioca pure!!!

vorrei offenderti ma sarebbe una mancaza di rispetto alle offese, di conseguenza mi limito e ti dico:

ho letto e riletto i tuoi commenti... mi lasciano perplesso!!!
Liberissimo di esporre la tua idea, ma non ti permettere di giudicare il lavoro svolto da altre persone. Che lavoro fai? di cosa ti occupi?

Se sei convito presentati, saremo in grado di dimostrarti che lavoriamo anche per te. In caso contrario, se vuoi solo fare lo spiritoso...mi sento di dirti
"accetta il mio consiglio GIRA ALLA LARGA"

xoomer ha detto...

Dall'Egitto con Furore

Sawiris: “Un forte impegno in Wind e in Italia
Nasce il primo polo mediterraneo per le telecomunicazioni
Pianificati investimenti per oltre 4 miliardi di euro

L’acquisizione di Wind rappresenta uno dei più significativi investimenti stranieri mai fatti in Italia. I nuovi azionisti hanno intenzione di mantenere e di accrescere tutte le attività di Wind: mobile, fisso e internet e di continuare a sviluppare l’azienda come un unico operatore di telecomunicazioni perfettamente integrato, rafforzando la sua posizione come primo, unico, vero operatore convergente in Europa. Attraverso una strategia focalizzata principalmente sulla crescita dei ricavi ed una efficiente struttura operativa, l’azienda prevede di investire oltre 4 miliardi di euro nei prossimi anni per aumentare in modo significativo la sua redditività e il cash flow.

Questi sono alcuni dei punti chiave della strategia di Wind presentata dal suo nuovo Presidente, l’Ingegner Naguib Sawiris, durante una conferenza stampa tenutasi oggi a Roma.Wind, per raggiungere gli obiettivi, effettuerà interventi mirati per allineare la struttura dei costi alle esigenze strategiche delle sue attività. Per migliorare i margini operativi, l’azienda si propone di aumentare l’efficienza, ridurre i costi, consolidare le risorse e di adottare le soluzioni più efficaci nella gestione delle attività. Nell’ambito di questa strategia, Wind verificherà in modo accurato il livello dei costi delle attuali infrastrutture, con l’intento di realizzare una notevole riduzione complessiva dei suoi investimenti (Capex) e, al contempo, di mantenere elevata la qualità della rete mobile, aumentare la copertura di quella fissa, e di gestire soluzioni convergenti per aumentare la penetrazione nel mercato Corporate. Per esempio, in pochi mesi, un risultato preliminare di un primo intervento nella riduzione dei prezzi, ha consentito a Wind di risparmiare più di 75 milioni di euro su apparati di rete e informatici che saranno consegnati nei prossimi 9 mesi.

I principali obiettivi di Wind saranno quelli di focalizzarsi sull’aumento dei margini nei settori e nelle aree in cui opera e di massimizzare la redditività con le infrastrutture esistenti. Nel breve-medio periodo, ciò significa un aumento della propria capacità con l’offerta di ulteriori prodotti ad alto valore, in aggiunta ad una maggiore enfasi allo sviluppo di rapporti, stretti e di lungo termine, con i clienti, fornendo loro una più ampia gamma di servizi a valore aggiunto.

La strategia di Wind considera che, al fine di mantenere una quota di mercato stabile nella telefonia mobile e di realizzare un aumento della clientela nella telefonia fissa e in internet, sia necessario intraprendere una serie di iniziative di ampio respiro:
Acquisire clienti con maggiore capacità di spesa per aumentare l’ ARPU;
Affrontare la sindrome della “SIM secondaria”
Velocizzare l’implementazione della distribuzione per tenere il passo nel mercato dei portali;
Crescere ed espandere la rete di distribuzione per raggiungere gli obiettivi di quote di mercato;
Ridurre il tasso di abbandono e aumentare l’esposizione presso il mercato Corporate;
Gestire i servizi di telefonia mobile e fissa come una sola entità ma come centri di profitto separati;
Valorizzare la customer experience per gestire un cambio di percezione in modo da raggiungere vari segmenti (oltre al segmento interessato al rapporto prezzo-qualità);
Attuare una segmentazione di servizi in linea con le esigenze commerciali.
Queste iniziative procederanno parallelamente con un piano per valutare e riorganizzare le politiche di insourcing/outsourcing della società, e per incentivare i dipendenti artefici della straordinaria affermazione dell’azienda nel mercato italiano. Questa qualificata base di dipendenti, realizzando il nuovo ambizioso piano, porterà Wind al raggiungimento di nuovi traguardi, a beneficio dei clienti, degli stessi dipendenti, e degli azionisti. Wind inizierà ad implementare queste iniziative nell’anno fiscale 2006.

Wind, si aspetta che l’impatto finanziario della sua strategia determini un incremento significativo del suo cash-flow e della sua redditività.

Il Presidente del Consiglio d’Amministrazione Naguib Sawiris ha dichiarato: "L’acquisizione di Wind rappresenta un investimento estremamente rilevante e strategico, per me e per la mia famiglia, che conferma la mia fiducia nelle opportunità dell’azienda e nel potenziale del Paese. La parte fondamentale della strategia di crescita è lo sfruttamento reciproco delle sinergie tra Wind e Orascom Telecom, con l’obiettivo di creare un polo di telecomunicazioni del Mediterraneo, con oltre 50 milioni di clienti. Wind sarà un importante produttore di valore e contribuirà alla crescita economica italiana. Possiamo già contare su una forte presenza di mercato nelle nostre principali attività e ora siamo in grado di ridurre ulteriormente la struttura dei costi utilizzando potenziali sinergie con il Gruppo Orascom Telecom. Inoltre, continueremo a cercare accordi strategici che possano dare un ulteriore contributo ai ricavi, alla base di clienti e al portafoglio tecnologico. Wind è una delle maggiori società italiane, con 14 milioni di clienti e 4,7 miliardi di euro di ricavi (2004) ed è ben predisposta per realizzare i cambiamenti necessari in linea con la nostra ambiziosa strategia di crescita”.

L’Amministratore Delegato di Wind Tommaso Pompei ha affermato: “Wind ha una chiara visione del futuro. Alcuni elementi chiave della strategia sono la valorizzazione della sua eccellente posizione di mercato per sviluppare ulteriormente il portafoglio prodotti e l’espansione delle attività di vendita e di marketing. Abbiamo già ottenuto un notevole vantaggio applicando i prezzi derivanti dagli accordi-quadro con i fornitori del Gruppo Orascom Telecom, riguardanti i nostri apparati di infrastruttura, in aggiunta alla riduzione dei nostri costi operativi.
Tutti insieme questi fattori positivi, accelereranno la nostra crescita e il nostro avanzamento verso la redditività”.

“Le voci che circolano sulla stampa circa le dimissioni dell’AD di Wind per disaccordi con gli azionisti, circa le strategie e i piani della società, sono destituite di ogni fondamento. Stiamo approfondendo la nostra conoscenza reciproca e Tommaso Pompei rimane al suo posto in azienda”, ha dichiarato Naguib Sawiris. “I risultati finanziari nel primo semestre di Wind sono buoni, e le nostre aspettative per la fine dell’anno sono positive e ben indirizzate. Wind è una storia di successo; ora è il momento di accelerare la velocità del proprio sviluppo per continuare ed accrescere questo successo”

Fibra ha detto...

Non commento le parole di Anonimo, forse sono dettate dall'amarezza di un'esperienza negativa con il call center e da cliente di altre società lo capisco perfettamente, è disarmante a volte scontrarsi con i muri di gomma dei call center (specie in outsourcing...) Deve capire però anche tutte le brave persone che ogni giorno prendono il cliente per mano e cercano di risolvere il suo problema dal più stupido al più serio. Il fannullone c'è e ci sarà sempre ma per un fannullone trovato ce ne sono 99 che si fanno il culo e portano a casa risultati CONCRETI di front line e di back office sgobbandosi pure la sua parte...e lo fanno senza premi aggiuntivi, senza alcun riconoscimento...solo con la soddisfazione di un "grazie" di un cliente soddisfatto che ti dice "se non ci fosse stato lei"...o "è stato gentilissimo". Per questo l'azienda DEVE capire che i call center come Sesto sono uno dei suoi BENI PIU' PREZIOSI, perché io oggi sento di lavorare per wind e i suoi clienti e me ne assumo la responsabilità mettendo la faccia (o meglio la login!) in quello che faccio. Domani lavoreremo forse per conto di wind...ma comunque per una PINCO PALLO SPA...e l'appartenenza e lo spirito con cui lavoriamo in qualche modo inevitabilmente si perderà. Per esperienza è così.
Quindi indignamoci soprattutto per il comunicato pieno di IPOCRISIA sulla responsabilità sociale...che ormai è solo un addobbo da sfoggiare nei bilanci! Un'azienda che si dichiara socialmente responsabile deve PAGARE se le azioni che intraprende sono contrarie a quanto si propone. Noi verremo liquidati forse...ma tutti devono sapere. TUTTI.
Continuiamo così...proseguano pure verso Sesto per spianarci coi loro mezzi blindati ma stiano bene attenti alle buche che si incontrano nel percorso...
UNITI, CORAGGIO!

Anonimo ha detto...

Mi chiamo Flaviano, e vi scrivo da Roma, ho saputo di quello che vi stà capitando attraverso un altro forum, e son qui a testimoniarvi la mia solidarietà!!!

Tenete duro, non fatevi scoraggiare, e sopratutto restate uniti!! Voi siete nel giusto non dimenticatelo mai!!

Quanto all'anonimo che ha sputato addosso a questi ragazzi gioendo della loro disgrazia, ti dico:
spero tu non debba mai trovarti a chiederti se domani avrai ancora un lavoro, con cui pagare il mutuo e dar da mangiare ai tuoi cari, io ci sono passato attraverso ad una situazione simile, ed è una cosa terribile che non auguro a nessuno!!!!!

Saluti, Flaviano.

LEONI STIAM MARCIANDO ha detto...

Ho letto alcuni commenti…..lascio la mia libera opinione in merito.
Sono un ex collega Wind del cc di Sesto.
I punti sono due.
IL PRIMO,il datore di lavoro,in questo caso l'imprenditore,in quanto tale tende solo e soltanto a fare il suo interesse,l'utile,il portafoglio,il grano,il profitto e per ottenerlo non guarda in faccia a nessuno, profitto e produttività sono le uniche leggi, molte, troppe volte, spreme chi sta sotto di lui all'inverosimile, non guarda in faccia a nessuno, alla classe più debole,il lavoratore dipendente...lo spreme fino all'osso e del surplus che ottiene dal suo lavoro dà al dipendente solo le briciole, spesso non dà nulla e continua a chiedere, molte volte, come nel vostro caso, taglia il tagliabile, altro che mutui,famiglie e stipendi da fame e se deve licenziare licenzia, protetto da qualche legge truffaldina creata ad hoc da qualche governo amico della classe dirigente.
Da tutto questo nasce il pieno e totale diritto al posto di lavoro a mantenere il proprio contratto, nel vostro caso, a tempo indeterminato lottando e protestando, facendo ciò che alcuni di voi, pochi peraltro, stanno facendo, altri, si confondono nella massa CONFIDANDO CHE GLI 'ALTRI' OTTERRANNO QUALCOSA PRIMA O POI!.
Tale diritto di cui sopra và difeso anche se che credo sia finiti gli anni delle lotte sociali e del LOTTA DURA SENZA PAURA credo che ogni vostro sforzo sarà vano e Wind manterrà in toto le sue scelte (magari mollerà qualche ciliegina per tenervi buoni ma alla fine non cambierà nulla).
SECONDO PUNTO, IL PIU' DOLENTE PER VOI, ma chi ha dentro di sè un poco di onestà non potrà smentirmi in alcun modo.
Come predetto sono rimasto lì qualche anno, se escludo forse il primo anno, di lì a poi, L'OTTANTA PER CENTO dei dipendenti si è praticamente seduto nel più totale assenteismo, dal primo degli Area Manager all'ultimo dei cc, mi spiace sinceramente per quel 20% che ha continuato per anni con dedizione e passione a fare il suo ed anche di più, tuttavia il gruppone dell'80PERCENTO ha cominciato a non fare niente di niente di niente di niente, telefonate riattaccate in faccia ai clienti, scherzi telefoni ai clienti, pratiche mal gestite e soprattutto poche, nelle 7 ore lavorative (1 è di pausa...) ognuno ha una sua attività, chi legge libri, chi sta al telefono per ore con amici/fidanzati, chi fà l'uncinetto,chi chatta, chi studia,chi legge il giornale, più persone si sono negli anni creati una seconda attività che hanno portato avanti in orario lavorativo, vendere saune, crearsi siti internet, ma soprattutto far niente, quel posto di lavoro negli anni è diventato un posto dove
'MA TANTO CHI MI MANDA VIA? MI PRENDO MILLE EURO, ALLE 4 SONO FUORI, NON FACCIO NIENTE, NESSUN CAPO MI STARA' SUL COLLO, NESSUNO MI RIBALTERA' SE SBAGLIO, NON POSSO SBAGLIARE E SOPRATTUTTO POSSO BARARE, CAMBIARE LE SCHERMATE DELLE TELEFONATE, NON GESTIRE I CASI PIU' DIFFICILI E LASCIARLI A QUEL 20PERCENTO CHE LAVORA ONESTAMENTE, MAGARI MI OTTENGO PURE UN SORRISINO DA QUALCHE SIMPATICO/a COLLEGA SE NO TRA UNA CHIAMATA E L'ALTRA MI ORGANIZZO LA SERATA O IL WEEK END...AH....PER NON FARMI MANCARE NULLA ALLA PRIMA PAUSA CAFFE' DI 45 MINUTI MINIMO MI FACCIO SENTIRE A LAMENTARMI UN PO' CHE NON MI PROMUOVONO, CHE ME LO MERITO, CHE DOVREI AVERE DUECENTO EURO IN PIU' AL MESE, CHE TUTTI GLI ALTRI SONO RACCOMANDATI E CHE SOLO IO QUA MI FACCIO IL MAZZO PER NIENTE ECCETERA POI TORNO A SEDERMI PER VEDERE SE MI E' ARRIVATA QUELLA PSW DI INTERNET CHE DEVO CONTROLLARE SE HO VINTO AL LOTTO, VENDERE UNA SAUNA, FARE LA SQUADRA DEL FANTACALCIO, FARE LA SPESA SUL SITO DELL'ESSELUNGA, VEDERE LE ULTIME USCITE MUSICALI, MA CHE VUOLE STO CLIENTE??? NO...NO...NON POSSO FARE NIENTE VADA IN UN CENTRO WIND....NO...NO...NON LA SENTO BENE...CLICK!....NO...NO...NON MI VANNO I SISTEMI...CLICK!...NO...NO....NON SENTO...COME???...NON SENTO...CLICK!!...MA GUARDA!! SONO GIA’ LE 15.55...CHIUDO TUTTO E ME NE VADO CHE ALLE 16.00.01 DEVO ESSERE GIU' COL BADGE IN MANO!!!
Praticamente il posto dei balocchi per chiunque non abbia obiettivi nella vita, per chiunque si nasconde nella massa, per chiunque non ha voglia non dico di lavorare, ma almeno di fare finta.
Chi di voi ha lavorato prima o dopo in qualche altro posto di lavoro sa che un altro posto così’ non esiste, c’è gente che è andata via da mesi ed ancora pensa a come era il ‘bel far niente’ senza impegno e soprattutto senza alcuna responsabilità, cosa che hai in tutti gli impieghi…dal panettiere al direttore di banca, persino un ladro ne ha!!!) con nostalgia e se non fosse stato per quella sensazione di alienazione totale che dopo un po’ si provava sarebbe ancora lì.
IL SENSO DI TUTTO CIO' A MIO MODESTO AVVISO E' IL SEGUENTE...CIO' CHE STA ACCADENDO NON HA RAGIONE DI ESISTERE IL DIRITTO AL POSTO DI LAVORO E' SACRO, MA QUELL'80PERCENTO DEVE STARSENE IN SILENZIO PERCHE' A QUEL POSTO DI LAVORO CHE STA PERDENDO NON E' MAI STATO MINIMAMENTE ATTACCATO...VEDERE CERTA GENTE INTERVISTATA DIRE CERTE COSE RATTRISTA ED AL TEMPO STESSO INDIGNA PER IL CORAGGIO E LA SFACCIATAGGINE COL QUALE VIENE FATTO……SE IO FOSSI IN QUEL 20PERCENTO COMICIEREI A DISTRUIBIRE MANATE A DESTRA (metaforicamente parlando purtroppo la mia copertura modesta me lo impedisce…) E A SINISTRA, NON AVRO’ RISOLTO NULLA MA ALMENO MI SARò SFOGATO…E SARO’ RIUSCITO AD ALZARE LA MIA VOCE …(E LA MIA MANO.....) SOPRA L’IPOCRISIA DI QUELL’80PERCENTO CHE ORA SI LAMENTA!
La mia piena solidarietà per il 20percento.

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti, sono il Dott. TAC e chi fa mente locale sa chi sono! Ho lavorato al CC da quando ha aperto e dopo un pò ho migrato le mie ali verso lidi all'apparenza più favorevoli.... volevo solo fare una precisazione a leoni stiam marciando e a quello della lettera che diceva che la gente va alla concorrenza perchè le risposte sono scarse.... Allora, premesso che ognuno è libero di esprimere la sua opinione, direi ad entrambi che, una persona vissuta intorno all'anno zero diceva : "chi è senza peccato scagli la prima pietra!!!" Nessuno in wind lavora il 100% delle sue ore e neanche voi che dite di conoscere il CC molto bene lo avete fatto ( tanto meno io)! Ma a discolpa dei ragazzi, vorrei mettere voi, in un posto dove sei considerato la ruota di scorta, dove non hai gratificazioni e non hai sbocchi ( i job posting e CV on line sono ridicoli), a farsi venire la voglia di lavorare. Si avranno sbagliato , ma se seguiamo questa politica allora da domani in Italia ci sono 56 milioni di disoccupati! Si ci sono persone che non meritano, ma non si può fare un solo fascio o una percentuale. Vi do la mia solidarietà e se ci sarà da manifestare io sarò con voi. l'importante è non mollare.
P.S. Mettete sul sito le iniziative così da diffonderle in azienda.
Un abbraccio ai ragazzi del '99.
Dott. TAC

MUCHO GUAPA ha detto...

Ciao Leoni stan Marciando, o forse dovrei dire...Leoni stan Marcendo??
Ho letto il tuo post, e mi chiedo: "Ma sei sicuro di aver lavorato in Wind?". Io ci lavoro da c.ca 3 anni (sono ex-Infostrada), e non ho visto tutto ciò che hai descritto. Ben inteso che qualche fannullone c'e', ma secondo te è quindi giusto che 275 persone vengano trattate in questo modo? Pare proprio tu abbia le idee un pò confuse su alcune cosette.
La pausa caffè di 45 minuti l'hai vista solo in tv, a "Camera Caffè", perchè si da il caso che non siamo in un asilo, ma siamo al lavoro!! Segui il mio consiglio: basta con la droga! Se tu hai lavorato qui sai benissimo che ciò che hai detto non è vero, e a me pare proprio che tu nutra solo del rancore nei confronti dei tuoi ex-colleghi Wind, perchè magari in realtà quelle cose le facevi tu, magari qualcuno ti ha fatto pure le scarpe (come si suol dire) e sei stato mandato a casa...e senza troppi complimenti per giunta. Proprio non capisco! Se questo era realmente il paese della cuccagna, come mai tu non lavori più qui?? Allora sei scemo! Ma dove lo trovi un posto del genere presso un privato, dove non fai niente dalla mattina alla sera, e ti pagano pure?? In secondo luogo, mi spieghi su quali basi calcoli il tuo 80%??? Perchè non fai nomi e cognomi già che ci sei? Tanto sei anonimo (in tutti i sensi) e non hai nulla da rischiare...o quasi. E' vero però che non puoi lanciare il sasso e ritirare la mano. Troppo comodo, facile, ma privo di efficacia. Ma mi raccomando, pensaci bene, prima di dare nomi a caso, grazie. In ultimo, penso che tu qui in Wind soffrivi di una strana forma di ubiquità che ti consentiva di lavorare contemporaneamente sia al Corporate che al Consumer. Io non credo tu abbia lavorato realmente qui alla Wind di Sesto S.G. E soprattutto tu non hai mai voluto dimostrare la tua solidarietà a quel fantomatico 20% che secondo la tua mente malata, tieni in piedi un intero palazzo di 275 dipendenti, perchè è impossibile per l'appunto. Secondo te, su 275 persone, solo in 55 lavorano? Magari non sei proprio bravo in matematica. E dimmi un pò: Da quanto tempo non lavori più in Wind?
In ultima analisi, perchè non guardi un pò quello che combini tu, nel tuo posto di lavoro (posto che tu non sia disoccupato o in contratto Co.co.co stà minchia)? Mi piacerebbe proprio venire a vedere cosa fai per guadagnarti la pagnotta (oltra a leggere il giornale, prendere il caffè e navigare su Internet, ovviamente). In un posto di lavoro, ripeto, i fannulloni ci sono, ma non puoi dire che sono TUTTI fannulloni, altrimenti l'azienda sarebbe già fallita da un pezzo, anzichè essere in UTILE. Caro mio, questa non è una manovra per "PUNIRE" i dipendenti che non lavorano. E' troppo infantile anche solo pensarlo (ma evidentemente tu di strada ne devi fare ancora molta sotto questo punto di vista), ma è solo una manovra finanziaria e basta. Dietro ci possono essere superlavoratrici e superlavoratori, oppure superfannulloni, ma questo non importa! Quello che qui importa è solo il profumo del denaro che uno solo si intasca, laciando a chi lavora molto PROFESSIONALMENTE le briciole. Ed è questo che deve indignare, perchè oggi a me, ma domani toccherà te, se già non ti è successo! Ma ti sei reso conto che ormai anche il contratto a tempo indeterminato non ha più valore? Questo non ti indigna? Forse sei uno di qeulli che si accontenta di un contratto Co.co.co, oppure a Progetto Lavoro, oppure a Tempo Determinato. Ragazzino, vai pure a farti la tua esperienza personale nel mondo del lavoro, ma rispetta nel frattempo chi si è GUADAGNATO il posto di lavoro non con raccomandazioni o col dolce far niente, ma solo con la propria professionalità ed esperienza. Se facciamo una protesta, è proprio perchè vogliamo LAVORARE con ben chiaro in mente il nostro futuro, non perchè qui "ci si gratta l'ombellico", altrimenti mi vado a cercare un impiego statale, magari all'ASL. KISS MUCHO GUAPA da MILANO

Anonimo ha detto...

Massima solidarietà ai lavoratori Wind di Sesto.
Che ci si perda in discussioni infantili del tipo: ve lo meritate o no (che oltre ad essere palesemente infiltrate ed eterodirette, mostrano una mancanza di senso della realtà sconcertante) lo trovo quasi incredibile.
Qui si parla di lavoro, posti di lavoro e strategie industriali.
Forse le ripicche è il caso di gestirsele da un'altra parte.

Ubi

Anonimo ha detto...

Buongiorno, mi chiamo Andrea, sono un dipendente Wind di Roma. Ho lavorato nel call center per i primi 4 anni e ora mi occupo di altro. Il mio unico commento a ciò che ho letto è: ma se una persona che lavora poco deve essere punita con il licenziamento, quante persone dovrebbero rimanere in Wind? Ma soprattutto...in altre realtà ...ministeri vari compresi, siamo sicuri che non ci sia assenteismo? Premesso quindi che in ogni azienda c'è chi lavora di più e chi lavora di meno direi che mandare a casa le persone che hanno investito il proprio futuro in un lavoro non sia proprio giusto ma soprattutto ragazzi.....lavoriamo affinchè questo sia un blog costruttivo e non una dimostrazione con numeri e statistiche su quanto e come si lavora. Credo che per raggiungere lo scopo questo serva veramente a poco. I clienti insoddisfatti possono trovare soluzioni altrove....ma soprattutto possono cambiare gestore....c'è piena libertà per fortuna. Rinnovo la mia solidarietà a tutti i colleghi...e visto che stiamo parlando di statische dico...al 100% dei colleghi di Sesto.

Anonimo ha detto...

Raga' tente duro!!!anche da Pozzuoli cerchiamo di sostenervi!!!

anna ha detto...

è facile buttare fango così, non mi meraviglia che qualcuno abbia avuto la brillante idea... le frustazioni sono tante nella vita.. io vi posso dire che ci sono tante persone che lavorano bene, che fanno anche più del dovuto con attività extra che non sono neanche "riconosciute" economicamente parlando, ma che vengono offerte come un' opportunità in più che ti da l'azienda per farti "notare"....

Paolo ha detto...

Quello che leggo merita approfondimento e franchezza: io stesso sono esempio di come professionalità, entusiasmo siano sempre stati altalenanti...in ogni caso presenti nel primo e florido periodo di Wind...carenti nei periodi in cui mi sono sentito poco valorizzato!
Ho sempre tenuto un comportamento franco da questo punto di vista...non vendendomi per un lavoratore perfetto e/o che meritasse particolare attenzione da parte dei miei superiori.
Chi mi conosce bene sa quanto valgo e cosa penso...penso però che nel tempo troppe persone hanno occupato posti di responsabilità senza meritarlo e senza dare dimostrazione di grandi capacità.
Non si giudicano le persone solo perchè si rapportano con piacere ai loro responsabili o perchè non hanno il coraggio di confrontarsi e spesso scontrarsi con loro!
Internet, libero, fantacalcio, giochini vari...chi davvero in questi anni non si è servito di questi mezzi durante la giornata?
Leggere la posta è fonte di disprezzo...quindici pause per le sigarette o spesa nei supermercati limitrofi invece no?!
Ditemi Voi!
Quali pesi...quali misure?!
Siamo ancora qui a giudicarci perchè leggiamo la posta o giochiamo ad Hattrick?
Come se queste persone (io compreso) non fossero capaci di lavorare, di produrre, di girare a fine giornata una lista che dia ai suoi superiori dimostrazione di aver lavorato?
Ma dai!!!!!!!!
La verità è un'altra: molti di noi si sono rilassati perchè non credevano più nel sistema che ci regolava, perchè non credevano più in quello che Wind ci raccontava, perchè spesso ci nascondevamo dietro l'insoddisfazione di un lavoro poco gratificante!
Non credo sia utile scrivere che è scandaloso vedere dipendenti poco produttivi in prima fila a cortei e manifestazioni perchè davvero credo che nessuno possa conoscere quello che si prova a sentirsi numeri, a sentirsi poco importanti, a sentirsi in qualche caso ignorati, spesso mal giudicati!
Io non giudico e non mi piace essere giudicato: trovo che sia una cosa vile!
Qui dentro troppe persone si fingono lavoratori instancabili, troppe persone si sentono poco valorizzate, troppe persone si vendono per quello che non sono....ma penso che questa sia semplicemente la vita!
Sì...la vita: nelle vita di tutti i giorni viviamo queste situazioni e non tutti sono capaci di uniformarsi ad atteggiamenti, comportamenti costruttivi e sempre responsabili!
Il punto è che ora è il momento di guardarsi dentro e lottare per quello che è importante per noi!
Vedo i miei colleghi, le persone a cui voglio bene ingegnarsi, prodigarsi in questi giorni difficili e mi trasmettono energia, entusiasmo!
Li stimo, Vi stimo e queste parole di stima vorrei farle uscire chiaramente e fortemente in questi giorni difficili!
Magari non mi metto in prima fila nelle attività, ma condivido, ascolto, cerco di esserci per farVi capire che Vi stimo e Vi ringrazio!
Ognuno qui dentro ha la sua storia e questo fa sì che ognuno abbia dato uno, cento, mille...ma questo ora non ha valore:conta solo stare uniti e dimostrarci schietti e onesti!
Sono Paolo...anzi Paolino (perchè ognuno qua dentro ha la sua storia...e la storia mi ha appiccicato questo nomignolo)!

Anonimo ha detto...

APPLAUSI PER PAOLINO...
APPLAUSI PER PAOLINO...

Silvia ha detto...

oh, Mucho Guapa, I love you. Metaforicamente, ma I love you.

murvin98 ha detto...

Ciao ragazzi, sono un dipendente Vodafone, azienda diversa ma stesso mercato. Vi sono vicino e pronto a scendere in campo con e per voi.

OCCHIOLUPO ha detto...

GRANDE PAOLO, ANZI PAOLINO:HAI PROPRIO PARLATO BENE!
SPERO SOLO CHE QUESTO POST NON MI VENGA CANCELLATO, MA SAI LA VERITA' SPESSO FA MALE!

maskulo ha detto...

E' normale che di fronte ad una situazione del genere inizino ad uscire fuori tutte le invidie.... i malcontenti....e soprattutto l'ipocrisia generale di molti dipendenti ke pensano ke la causa principale della vendita del call center di Milano sia dovuta al fatto ke nessuno faceva poco o un ka..o! o ke quel tizio ha lavorato meno di me e adesso cosa pretende...E non escludo che l'azienda abbia deciso di dare la notizia alla catzus x creare appositamente tale situazione.

Io da esterno... ma neanche piu' di tanto.... penso ke la decisione esula da tutto cio':
1) il faraone ha deciso di tagliare 1000 posti di lavoro x trasformare l'azienda in una low-cost - è da diverso tempo che con vari spostamenti ha convinto la gente ad andarsene spontaneamente;
2) nessuno è licenziabile xè ha un contratto a tempo ind. (azienda con + di 15 dipendenti...) e l'unico modo per farlo civilmente(come ha diakiarato lo st.....) è cedere le "risorse" ad una società di servizi esterna che paga tali risorse alla Wind (anzi a Naguib e quindi i soldi vanno in Egitto per coprire i debiti contratti inizialmente per comprarsi Wind)e inoltre elimina anche il costo del personale preferendo pagare la società esterna che se ne accolla
3)la società di servizi per cui andrete a lavorare (oggi al tg parlavano di omnianetwork o COS)lavora per commesse, quindi lavora per clienti; se ho interpreato bene la legge voi manterrete le stese condizioni contrattuali (durata, livello, orari, trattamento economico; forse potreste essere inquadrati in un altra categoria contrattuale diversa dalle telecomunicazioni) ma lavorando per una società di outsourcing è da capire se farete outsourcing sempre per WInd (incredibile ma vero) o magari passato il primo periodo potreste fare attività di outsoucing per uno qualsiasi dei clt, ovvero fare call-center inbound e outbound per...Sky, Mediaset, H3G, Clarima, Fineco, Woolwich... se la società acquirente fosse Omnianetwork...visto ke ci lavoro da settembre...e se andate a vedere il capitale sociale versato...non sapete se ridere o piangere


Quindi è inutile ke vi fate la guerra tra di voi! Indipendentemente dal fatto ke da sempre chiunque in Wind abbia sempre sgobbato come un somaro o abbia sempre kazzeggiaro-lavorando...
Questa decisione è nata solo dal fatto ke adesso Wind è in mano ad un capitalista straniero ke cerca di guadagnarci piu' soldi possibili e prendetevla pure con l'ex governo che ha creato leggi apposite per permettere cessioni di rami aziendali al fine di potersi liberare in maniera oscura e civile del personale in esubero.

Restate uniti!

Anonimo ha detto...

Ciao Anonimo,
perdonami ma trovo difficile che tu possa conoscere il mondo wind.
C'è solo un modo per conoscerlo: lavorarci! Poichè non ci lavori, il tuo non è un punto di vista basato sulla valutazione di dati oggettivi ma solo una sensazione basata su percezioni e supposizioni: per un cliente è impossibile sapere con quale cc si parli eccetto nel caso in cui sia lo steso csc a dirtelo (ammesso che ti dica la verità, visto che sei stesso tu a mettere in dubbio quanto ti viene detto dal cc).
Trovo meschino affermare di rappresentare 150 presone quando si scrive in anonimo e per denigrare il lavoro degli altri; un'affermazione come la tua andrebbe firmata da te e dai 150 clienti che rappresenti, altrimenti anche io posso scrivere di rappresentare 150 persone: chi lo verifica?

Detto questo, mi preme di più stare vicino ai miei colleghi di Milano: Pozzuoli è con voi e ci sono circa 14000000 (per non fare incaxxare l'anonimo 13999850) di persone che se hanno scelto wind lo hanno fatto anche per merito vostro!!

Anonimo ha detto...

ragazzi ciao son frank,
non date retta a chi cerca di denigrare cio che di buono avete fatto finora.
chi lo fa non è un cliente ma solo talpe che vogliono destabilizzarvi, per disunirvi in questa lotta che secondo me state svolgendo in maniera esemplare.
gli organi di informazione vi stanno dando voce e voi avete il compito che tale voce arrivi piu in alto possibile.
ho lavorato con voi quasi tre anni e siete delle persone valide e affidabili.
io purtroppo non ho i potenti mezzi che vorrei avere per salvare la vostra situazione, ma vi sono davvero vicino anche perche penso spesso che in mezzo a voi avrei potuto esserci anche io se solo le cose fossero andate in un altra maniera rispetto a quello che tutti voi sapete (parlo del consumer)
vi rinnovo il consiglio di stare uniti, le conquiste si ottengono con le lotte e le lotte si vincono tutti insieme
non mollate ragazzi non mollate mai e lasciate perdere tutto il resto
un abbraccio
frank

Agostino Roma ha detto...

Ciao a tutti,
sono Agostino e lavoro nel call center Wind di Roma.
Voglio innanzi tutti esporre la mia solidarietà verso i colleghi di Milano per ciò che sta accadendo e fare presente al CARO ANONIMO(che parla per ignoranza o è semplicemente invidioso di chi lavora in un azienda di telecomunicazioni visto che al massimo lui saprà gestire alla perfezione le cartacce del suo condominio)che il call center di Sesto ha sempre avuto risultati più che rispettabili. Se l'azienda fa cadere l'80% delle chiamate sui call center esterni non è colpa di nessuno. Loro rispondono e Wind ci rimette la faccia insieme a chi ci lavora. Pertanto inviterei anonimo (che qualora avesse dei dubbi sarei pronto a chiarirteli insieme ai miei colleghi nella sede di Roma, se ci vieni a trovare ti aspettiamo) di riflettere bene su cosa scrive e in che termini si esprime.Questo qualunquismo tienitelo per te perchè per capire cosa succede in un azienda bisogna lavorarci e mi spiace comunicarti che tu purtroppo non ne fai parte. Per il resto INDIFFERENZA, questo meriti...
Ragazzi sono con voi in tutto e per tutto! Non servirà a molto ma magari il fatto di essere in moti è già qualcosa..
Vi abbraccio

Agostino

pierluigi ha detto...

Salva, sono un cliente WIND nn voglio entrare nel merito di alcune affermazioni di anonimo... volevo solo, dopo aver mandato una mail ed essere stato invitato ad inserire quanto pensavo nel blog, esprimere appunto il mio pensiero:
sono un cliente WIND soddisfatto... pienamente soddisfatto anche del lavoro degli operatori dei call center... mi scuso perchè nn posso dire di sesto in quanto francamente nn so quali operatori rispondano.... ma ho sempre trovato persone gentili, competenti, disponibili.... pertanto voglio esprimere tutta la mia solidarità e vicinanza... come dicevo nella mia mail.. sto seriamente pensando di recidere il mio rapporto di cliente con wind proprio per protesta e dimostrazione della totale nn condivisione di un modo siffatto di operare.... l'unica cosa che ancora mi trattiene è il dubbio che qs possa essere davvero utile e nn dannoso per voi ... ?!?! Assicurando un costante ricordo... cordialmente saluto tutti.
Pierluigi Dadati (Lodi)

MUCHO GUAPA ha detto...

Signor Pierlugi,
ce ne fossero di più di clienti come lei! Grazie mille per la solidarietà, da una dei 275 dipendenti. Tuttavia, nonostante la contetteza che il suo post mi ha lasciato, non le posso dire quali delle due cose sia meglio o peggio, cioè se restare cliente Wind o meno, anche perchè non credo che serva a molto, ed inoltre potrebbe rivelarsi un'arma a doppio taglio! Se perdiamo dei clienti, potrebbero andarci di mezzo anche molti altri miei colleghi che ancora non sono stati "toccati" materialmente dal problema esternalizzazione. Io la posso invitare piuttosto, a reclamare con un fax all'800 91 58 96, rigurdo alla perdità di professionalità che si avrebbe, e quindi di conseguenza non ad un lavoro qulitativo eccellente, ma ad una mediocrità che troppo spesso ricarde solo su operatore/cliente, ma non su chi ai piani alti, si riempe comunque le tasche di soldini, nonostante magari ricopra la carica non per competenza ma per bel altro. E' il solito problema a cui assistiamo tutti. Pertanto reclami, faccia sentire la sua voce su questa paura di perdità di qualità nel servizio. E' un suo diritto, ma è anche un suo dovere, come consumatore, fare notare queste cose a chi sbaglia la gestione dei propri dipendenti. Un abbraccio caloro da MUCHO GUAPA

Christian ha detto...

Veramente imbarazzante quello che ha detto l'utente anonimo, soprattutto per la sua ignoranza. Mi auguro che sia solo un povero teenager ancora immaturo e maleducato, se così non fosse vuol dire che c'è gente con seri problemi purtroppo.
Avete tutta la mia stima, anche io ho lavorato nei call center per diversi anni, e alcuni di quelli in cui ho lavorato non navigavano nell'oro, o almeno ce l'han fatto credere, e imperversava il precariato.
Non ho mai lavorato per Wind ma posso dire da cliente che il servizio mi pare molto buono, almeno a me non è mai caduta la linea parlando con il call center, e ho sempre ricevuto ottime risposte, e vi assicuro che chiamo spesso... Non è questa la questione, perchè qua si vuole difendere prima di tutto il lavoro dei dipendenti, ma volevo almeno spezzare una lancia a favore degli impiegati nei vari call center di Wind.
Un in bocca al lupo a tutti voi!!!

Anonimo ha detto...

AL CLT INCAZZATO:
MA HAI LETTO CHE L'80/90 % DELLE CHIAMATE VENGONO GESTITE DA CALL CENTER outsourcer, SAI COSA SIGNIICA?? PRIMA DI DIRE CHE A SESTO FACCIAMO CAGARE, LEGGI SUL DIZIONARIO E POI COMMENTA.... INOLTRE RICORDIAMO A TUTTI UNA VOLTA PER SEMPRE CHE ABBIAMO CHIUSO L'ANNO IN ATTIVO E LA CESSIONE DEL NOSTRO CALL CENTER NON è DOVUTA ALLA SCARSA QUALITà DEL SERVIZIO PRESTATO!!!!! NON VOGLIAMO L'ESTRNALIZZAZIONE PRIìOPRIO PER GARANTIRE QUALITA'!!