venerdì 23 febbraio 2007

Comunicato Sciopero Rsu Wind

Comunicato

Sciopero WIND 26 febbraio

Lunedì 26 febbraio i Lavoratori WIND scioperano e manifestano a Sesto S.G. contro l’esternalizzazione del Call Center. Dopo l’alta adesione allo sciopero del 5 febbraio e nonostante l’interessamento dei Ministeri del Lavoro, dello Sviluppo Economico e delle Comunicazioni, l’Azienda continua a perseguire il progetto di cessione di parte del suo core business. Questo nonostante i risultati dichiarati siano positivi: crescita dei ricavi, primo utile registrato dalla Società per circa 56 M€, una significativa crescita del margine operativo lordo (di circa 200M€), piani di stock options offerte alle prime linee dirigenziali, la recente acquisizione, da parte della Proprietà, dell’operatore greco TIM Hellas. Un’Azienda in crisi? Tutt’altro. Wind, Azienda dotata di tutte le licenze TLC, e costruita con enormi capitali (oltre 15 miliardi di €) in gran parte di provenienza pubblica, cioè della collettività, è diventata oggetto di una delle tante operazioni a cui abbiamo assistito in Italia in questi anni di finanziarizzazione dell’economia (il caso Telecom fa scuola). La nuova proprietà, di cui Enel non fa più parte, ha acquisito l’Azienda, in prevalenza, con capitale di debito, che grava sul bilancio di Wind (in sostanza ha comprato l’Azienda in gran parte con i soldi stessi dell’Azienda). Pertanto Wind, che avrebbe necessitato di una forte iniezione di capitali, perché già molto indebitata, si è invece ritrovata un ulteriore pesante fardello da sopportare.

Il nuovo management, a fronte di un enorme debito da ripagare, dichiara una capacità di investimento che appare limitata e compatibile solo con un modello organizzativo e di posizionamento sul mercato di tipo “low cost”. Tale posizionamento rischia d’essere deleterio per i Lavoratori, ma anche per clienti quali la Pubblica Amministrazione, le Forze dell’Ordine, le Forze Armate. La strategia dell’Azienda non pare orientata nella direzione dello sviluppo, bensì in quella della perenne riduzione dei costi, anche e soprattutto, attraverso la riduzione del Personale prima con il ricorso massiccio alle dimissioni incentivate ed oggi con l’esternalizzazione di 1 dei 5 call center. Una scelta in antitesi con il percorso che le Aziende più avvedute stanno compiendo, reinternalizzando attività e processi, per poter garantire più elevati livelli di qualità del servizio. Una scelta in controtendenza anche rispetto alle nuove disposizioni legislative (la “Circolare Damiano”, l’AVVISO COMUNE sottoscritto da CGIL CISL UIL e CONFINDUSTRIA) volte alla stabilizzazione dei rapporti di lavoro nel variegato quanto precario mondo dei call center. Nello stesso momento in cui la politica cerca di limitare la precarietà, Wind decide di mettere in discussione la sicurezza dei suoi Lavoratori, cedendoli a terzi.


L’esternalizzazione
recentemente dichiarata non ha, del resto, un fondamento industriale bensì finanziario e si pretende che a farne le spese siano i Lavoratori. I costi fissi vengono trasformati in variabili peggiorando verosimilmente la qualità del servizio, con il presumibile fine di porre le premesse per un numero consistente di licenziamenti postdatati. Cosa significa infatti cedere attività e risorse senza un quadro preciso degli assetti industriali? Significa che la quantità di lavoratori da espellere deriva da un calcolo economico di riequilibrio dei conti a breve e non da un progetto industriale a medio termine. WIND merita di più da un Management che in 18 mesi non ha saputo o voluto produrre un piano industriale degno di questo nome. WIND è una Risorsa Nazionale in un settore strategico quale è quello delle Telecomunicazioni. WIND è e deve rimanere un’impresa industriale, per il bene dei suoi Lavoratori e del Paese. Per questo i Lavoratori di WIND si sono mobilitati; per contrastare sul nascere ogni tentativo di spezzatino dell’Azienda, per riaffermare la dignità del proprio lavoro.

Ringraziando il Governo e le Istituzioni per l’interessamento finora dimostrato, ci mobilitiamo e scioperiamo per richiamare l’Azienda alla Responsabilità Sociale d’Impresa. Chiediamo che Wind ritiri o almeno sospenda la cessione di ramo d’Azienda, che abbandoni l’approccio unilaterale finora mostrato ed accolga l’invito ad un confronto vero che entri nel merito delle strategie industriali e non si limiti invece ad una trattativa sulle ricadute sociali di una cessione di ramo d’Azienda che, responsabilmente, continuiamo a respingere.

Apprezziamo infine e facciamo nostra la sollecitazione avanzata in questi giorni dal Ministro delle Infrastrutture affinché si apra subito un dibattito parlamentare sull’assetto societario del Gruppo Wind.

Milano, 22 febbraio 2006

Le RSU WIND di Milano e Sesto S.G.
Le Segreterie SLC-CGIL, FISTel-CISL, UILCOM-UIL di Milano

9 commenti:

capelli rosa ha detto...

Comunicato molto intelligente.

BRUNO ha detto...

Concordo

capelli rosa ha detto...

Mail pervenuta poco fa da Servizio Frodi Consumer:

"Buonasera,
La presente per comunicare che lunedì 26 febbraio non saremo in grado assicurare l' attivita' in oggetto sulla coda telefonica Frodi Consumer e Frodi Corporate .
A disposizione per chiarimenti in merito
Buon lavoro"

Codex ha detto...

capelli rosa, pensare che noi avremmo saputo gestire un'attività del genere molto bene fa veramente male.

Jeero ha detto...

noi potremmo gestire molto bene un sacco di attività, peccato che c'è stato un'impoverimento continuo

AGUILA ha detto...

Ciao dalla vostra aguila blanca : tutto cio ' non e' una novita'
ecco una citazione da uno che di aziende se ne intende un pochino !!:

Bill Gates contro l'outsourcing
Da Tokio (fonte: Repubblica.it del 6/7/2005), il chairman di Microsoft invita gli industriali a frenare la corsa all'esternalizzazione e a valorizzare la proprietà intellettuale. Intervento di alta caratura politica quello fatto da Bill Gates al cospetto della Nippon Keidanren a Tokio, ovvero la Confindustria giapponese. Il padre di Windows, infatti, ha detto a una platea in cui spiccavano i ceo di Nec e Toshiba, che con l'outsourcing si sta esagerando, e che le società farebbero bene a non esternalizzare le funzioni chiave di core business e anche parte degli staff. Motivo? Se fai troppo affidamento su competenze esterne, metti nelle loro mani le tue idee, i tuoi cervelli, il tuo futuro. Insomma, ti spersonalizzi. Ancora: concentrarsi troppo sul taglio dei costi, ovvero sulla principale leva dell'outsourcing, perdendo di vista il valore dell'investire, diventa, alla lunga, un boomerang.

se lo sostiene Bill Gates perche' non possiamo dirlo anche noi !!
Sawiriss svegliati cosi non hai un futuro com imprenditore stai distruggendo Wind !!

paolo ha detto...

salve a tutti mi chiam Paolo sono un dipendente della Galileo Italia s.r.l. di Roma(ex Signa spa),ex azienda del gruppo Alitalia,venduta nel 2002 ad una multinazionale americana Cendant,nel Luglio del 2006 siamo stati acquistati da un'altra multinazionale Americana la Blackstone Group,la quale gestisce i fondi americani detti Private Equity,anche io lavoro in un help desk come voi e il 19 Gennaio 2007 l'azienda ha aperto una procedura di mobilita' nei confronti di 109 dipendenti su 220 totali.Ovviamente in nostro settore come altri due e' stato terzializzato a una cooperativa di servizi di indubbia provenienza,sono perfettamente vicino a voi anche io ho moglie e due figli un mutuo appena avviato e come me tanti altri colleghi,abbiamo fatto anche una manifestazione in il 20 Febbraio davanti al Parlamento,pero' finora con scarsi risultati,mi piacerebbe unirvi a voi x affrontare questo delicato momento insieme ai miei colleghi xche' sono convinto che piu' siamo e piu' riusciamo a dare problemi a questi strozzini e cravattari della nuova finanza.Volevo sapere se e' possibile contattare qualcuno di voi x prendere dei contatti e magari prendere qualche iniziativa,volevo inoltre complimentarvi con voi x il sito e le iniziative fatte fino ad ora,andate veramente forte e non mollate,vi lascio la mia e-mail x ulteriori contatti indelicato.paolo@tiscali.it ,forza ragazzi e ciao a tutti

Elektra ha detto...

tutti uniti!!

Elektra ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.